Cpertina Della Coscienza Vol1 2 3 Minijpg  I miei libri,

Clic sulla copertina per vederli nella vetrina.

   "Della Coscienza" è una collana (spero di introdurla adeguatamente e in modo interessante in questo blog). Terminai di scrivere il primo volume nella primavera del 2017. Solo ora, in questi giorni (primavera 2018), mi dedico a pubblicarlo per renderlo visibile a tutti. Mi piace molto, infatti, pensare che proprio tutti abbiamo bisogno, alle volte in misura minore e alle volte con maggior impeto, di una direzione, di un punto fermo, di quel quid che ci permette il "prossimo passo giusto".

Introduzione a Una Visione Unificata Dell'Esistenza:

      In questo spazio e mi piace molto chiamarlo "spazio", introdurremo l'argomento della coscienza, della consapevolezza, della percezione, quindi di mondi e dimensioni altre. Ho voluto una "introduzione" a questi argomenti in quanto si tratta di una materia molto cara a tantissime persone, ma anche molto complessa, pur nella sua immediatezza intuitiva. Molti  infatti, percepiscono spesso il bisogno di trovare e toccare qualcosa che intuiscono celarsi dietro l'apparenza e la quotidianità delle cose della vita, ma trovano anche molta difficoltà nel capire di cosa si tratti; anche perché, alle volte, somiglia più ad una malinconia che ad un vero bisogno o ad una necessità. Molti testi in circolazione sono troppo specifici e troppo riservati agli addetti ai lavori. Così, con la massima semplicità possibile, vedremo come portare luce nelle zone oscure, fino a scoprire l'origine dell’esistenza.

   Non sembri ardito, in vero noi stessi esploriamo l'universo ogni volta che ci mettiamo in discussione, ogni volta che non accettiamo le cose "per come si è sempre fatto". L'origine delle cose, lo spazio astrale, la meditazione, l'illuminazione, il satori, o se vogliamo il paradiso, sono una beatitudine, un’estasi, mistica e un atman che tutti vorrebbero sperimentare almeno una volta nella vita, anche senza necessariamente dover prima morire. Parleremo di amore, anima, spirito, essenza, oltre la vita e oltre la morte.

   L'emancipazione dell'essere umano è l'argomento centrale di questa indagine. Buddha, come Gesù, seppe indicare con chiarezza il cammino. Ogni santo di qualsivoglia religione (e non) ha seguito lo stesso cammino, anche nello zen; si tratta di uno spazio mistico che finisce per divenire realtà, non più illusoria, non più apparenza ma grazie all'intuizione, realtà sostanziale e tangibile. La filosofia e la metafisica sono altisonanti nomi che però indicano bene di cosa parliamo. Mondi paralleli, dimensioni parallele, percorso spirituale, via, tao, realizzazione, superamento dell’eterna dualità, cosmologia, terzo occhio e nuova era. Credo d'aver dato un buon indirizzo a questo "spazio". Ora, vediamo se riusciamo a entrarvi. O eravamo già dentro e non lo sapevamo?! C'è bisogno di un po' di luce; eppure non è uno spazio oscuro, al contrario. Evidentemente, abbiamo qualche benda sugli occhi, e anche dietro agli occhi ... per usare una metafora.
   Cominciamo dal principio: perché dovresti prenderti la briga di leggere un libro così complicato? Forse fuori c'è il sole e sarebbe bello farsi una passeggiata. Sicuramente è meglio! Se quando torni dalla passeggiata hai ancora tempo, sarebbe eccellente se ti chiedessi cosa sono quei momenti in cui fissi il vuoto dietro i vetri della tua finestra e vorresti non essere lì. ma lontano, non sai dove, ma non lì. Tutti abbiamo di questi momenti o li abbiamo avuti in passato; qualcuno si affretta a riempire tali momenti di vuoto con un cellulare, altri con la televisione, altri ancora con un hobby o con le parole crociate. Ma perché abbiamo l'abitudine a riempire accanitamente ogni momento? Forse che non sopportiamo di stare un po' con noi stessi? Qualcuno dirà "A fare cosa?" Ecco, proprio questo: siamo talmente presi dal fare, fare,  fare, che quando siamo con noi stessi non sappiamo cosa farci. Direi: "Ad osservare la pace", per esempio, ad ammirare la natura del giardino, o se siamo in città, a contemplare i nostri vasi fioriti sulla finestra, tanto per dirne un paio.

   Bastano pochi minuti per questo, ma non è questo che conta, piuttosto "vedere l'abitudine" è importante. L'abitudine è pensiero che si ripete all'infinito, di qui ecco la noia; l'abitudine uccide la creatività soffocandola col pensiero ripetitivo, di qui ecco la stanchezza mentale; il pensiero non è la soluzione ai nostri problemi, ma è il Problema. Se quando sei dietro ai vetri della tua finestra non vaghi col pensiero puoi vedere realmente ciò che c'è al di là: se la veduta è grigia e asettica, esci, fai due passi, carezza un micio, incontra qualcuno, scambia due parole gentili; l'importante è non rimanere apatici a cullarsi nei pensieri ripetitivi. Qualunque cosa tu faccia in quel momento per scrollarti di lì è buona, basta che tu sia presente a te stesso/a: ti dirò, in questo libro, non si parla di esercizi da fare e di discipline da praticare, nemmeno devi scrivere alcunché su un quaderno;  tutto quello che dovrai fare è riconoscere il momento in cui i pensieri arrivano, furtivi, inutili, ripetitivi, figli di un passato che non c'è più, profeti di un futuro senza realtà che non esiste da nessuna parte se non nella tua mente.

   La mente ha la sua funzione ben precisa e fondamentale, ma non deve in alcun modo ossessionarci con i pensieri. Se vogliamo, il pensiero è classificabile come un vero e proprio disturbo, una inutile dispersione d'energia, un freno a mano tirato quando invece potremmo evolverci a grande velocità. Si potrebbe obbiettare che pensare e riflettere sulla soluzione tecnica da trovare per costruire un ponte più efficiente di quello attuale, è una attività assolutamente necessaria. Ma come tutti i creativi e gli artisti e gli ingegneri sanno bene, continuare a rimuginare sul problema non porta una soluzione valida, ne porta, invece molte e tutte senza valore di efficienza, spazzatura, insomma. Invece loro sanno bene che sviscerato quale sia il problema, si chiude e si va a casa; si fa una doccia, si cena e ci si dorme sopra tutta la notte.

   Molto probabilmente, al mattino la soluzione sarà lì, pronta, come una lampadina accesa nella testa. E' servito il pensiero per trovare la soluzione? No, è bastato non farvi ricorso, è bastato guardarlo arrivare e non dargli nessuna importanza. Passare oltre, passare oltre e passare oltre, ogni volta che arriva. Questo si dice "essere presenti a se stessi", è estremamente importante. Come dicevo non ci sono in questo libro esercizi cui dedicarsi ne' noiose pratiche, solamente "presenza" e di nuovo presenza; il pensiero arriva perché lo cerchiamo, perché crediamo di averne bisogno, ma sbagliamo. Dobbiamo solo indagare e capire perché ci è d'intralcio nel nostro miglioramento, perché anziché aiutarci ci consuma tutta l'energia, ci deprime, ci annoia, ci ossessiona, ci appesantisce, ci infastidisce e ci ruba tutte le forze lasciandoci inermi e incapaci di reagire.

Cpertina Della Coscienza Vol1 2 3 Minijpg

   Clic sulla copertina per vederli in vetrina in formato cartaceo o elettronico (Kindle), per PC, Tablet, Smartphon o Lettori.

   Per chi non avesse un lettore di libri digitali, Kindle, può scaricarne la versione per iOS, PC, Tablet, Smartphon, Altri Lettori dalla pagina ufficiale: https://www.amazon.it

<

Protezione: Questo Blog, per nessuna ragione, divulga all'esterno i dati degli iscritti: commercial free.