Paura Del Cuore o Di Dio? #97

Non iniziamo una ricerca interiore per paura? Oppure perché abbiamo famiglia? Davvero preferiamo restare nella miseria umana? Forse ci accontentiamo che Dio sia in cielo e noi in terra? O forse abbiamo in testa idee strane circa la spiritualità?»

       Onestamente non mi aspettavo un tale seguito al mio precedente articolo, il #96 intitolato “Se Dio Esiste Che Fa?”; credevo avessero più seguito articoli sulla ricerca interiore e spirituale: evidentemente c’è molta attività intorno alla parola “Dio”. Infondo siamo in occidente. Da quello che ho letto nei vari post in botta e risposta, sembra che in tutti quanti Dio sia un’entità staccata da noi, come a sé stante, che fa le sue cose mentre noi umani ci adoperiamo a “sfasciare il mondo”. Per alcuni il male e il dolore sono solo opera dell’uomo, non di Dio.

   Da quello che ho compreso leggendo questi post è emerso che ragioniamo con la mente e non percepiamo con il cuore, pensiamo in schemi mentali e non partecipiamo con l’intuito. La forma di pensiero secondo cui Dio è là, ci guarda e sorveglia, mentre noi siamo qui a soffrire e a pregarlo, è uno schema mentale impostoci dal clero, dalla chiesa cattolica quando eravamo in giovane età. Come se in cielo è Dio e in terra siamo noi. Oltre che un’interpretazione errata e fuorviante (fuorviante in quanto separa l’essere umano creato dal suo creatore) è anche superficiale e comoda: in questo modo abbiamo da poter incolpare del nostro dolore “Gli Uomini” (anche qui separando accuratamente la nostra persona da tutto il resto del genere umano) e abbiamo da incolpare Dio del perdurare della sofferenza, Dio il quale non farebbe nulla in merito, ma si sarebbe limitato alla sola creazione, abbandonandoci poi subito dopo.

   Così pensando diventa molto facile scaricarsi d’ogni responsabilità dal dover o poter agire in qualunque modo per cambiare una situazione che affermiamo non dipendere dalla nostra persona. Chi pensa in questo modo ha un livello di Coscienza ancora molto basso, che certamente s’innalzerà, ma non ora, non fino a che non si renderà conto che Dio (o la nostra Essenza, o il nostro Spirito) non sta in cielo e che noi non siamo soli qui sulla terra, né abbandonati.

   L’Essenza creatrice, il nostro Sé, lo Spirito Umano, sono in ognuno di noi, Dio è in ognuno di noi; è dentro che va cercato, non nelle chiese, non nei templi, non sulle are, non nella natura, non nelle parole di preti che ne sono distanti anni luce, ma nel cuore profondo di ognuno di noi. Ricerca interiore significa questo. Significa scoprire che è la mente con i suoi schemi di pensiero a farci parlare e non il nostro intuito profondo. Non la Coscienza acquisita e vasta.

   Ricerca Interiore significa abbandonare ogni idea e preconcetto in fatto di Dio e mettersi in gioco sul serio, in cerca; ma cosa si pensa, forse che i grandi illuminati cristiani delle epoche passate abbiano trovato Dio attaccato a una croce? O forse che l’hanno conosciuto e toccato andando a bussare alle porte del cielo? Forse che l’hanno trovato per mezzo di qualche preghiera? Allora bisognerebbe senza dubbio andare a vedere e scoprire che tutti gli illuminati (poi divenuti santi) hanno fatto ricerca interiore partendo solo da se stessi, abbandonando ogni preconcetto e divenendo totalmente creativi. La dimostrazione di ciò sta nel fatto che le parole di saggezza dei più grandi mistici di ogni tempo si somigliano tutte, tutte indicano una sola cosa e quella cosa non è fuori di noi!

   Oggi una signora ha scritto, in un commento al mio video e articolo #96 “Se Dio esiste, che fa?”, che Dio, al contrario di noi che solamente cambiamo canale in tv, ci guarda nel cuore; a ognuno di noi. Al che ho replicato che lei ha perfettamente ragione, infatti ci basterebbe guardare nel nostro cuore per incontrarlo. La sua ulteriore replica è stata (come potete leggere voi stessi nei commenti al mio post) che per riuscire a guardare nel proprio cuore e incontrare Dio, bisognerebbe essere responsabili solo di se stessi e lei invece ha famiglia. Inoltre lei dice che non saprebbe guardare nel proprio cuore e poi riaprire gli occhi e tornare alla vita quotidiana.

  Tre sole cose:

1) Tutti abbiamo famiglia e la ricerca interiore non preclude assolutamente l’accesso a nessuno e nemmeno poi ne impedisce la vita familiare, al contrario (esperienza vissuta).

2) Chiudere gli occhi e guardare nel proprio cuore è solo un modo di dire: la ricerca interiore può essere svolta sia a occhi chiusi in meditazione che a occhi aperti ogni giorno e durante tutta la giornata.

3) Se parliamo di “responsabilità”, allora sarebbe bene controllare quanto siamo sinceri con noi stessi, perché chi sente la responsabilità verso i familiari dovrebbe sentirla pure verso ogni essere umano e non solo verso chi è vicino.

  Forse questa signora ha le idee un po’ preconcette sulla ricerca interiore. Oppure semplicemente ha paura di quello che troverebbe nel suo cuore. Più semplicemente ha una valida scusa, a suo dire, per non indagare dentro di sé.

  Io mi scuso con voi tutti se posso sembrare critico nei vostri confronti, ma sappiate che lo sono prima con me stesso e tutto ciò di cui parlo è solo frutto di una ricerca interiore di decine d’anni, di un cammino spirituale lungo e sofferto, anche se a tratti guarnito di gioie profondissime che durano per sempre. Non me ne vogliate, dunque, se vi sentite colpiti da queste parole, perché è proprio il mio intento: abbracciarvi e mostrarvi quanto è fragile l’essere umano se non ha un riferimento interiore. Vi voglio bene, sempre.


23 gen 2021                         Claudio Panicali

Per ascoltare e vedere l'autore in Video su Youtube clicca: Youtube Video Iconajpg .

  • Matitinajpg Iscrivendoti al canale YoutubeIl Volo Della Coscienza” riceverai un regalo, vedi qui: Cinepresajpg .

  • Librijpg Per “espandere” l’argomento e per comprendere più a fondo la Coscienza, i miei libri
    I Quattro Librijpg
    “Della Coscienza” Vol. 1, “Quali Sono Le Porte” Vol. 2, "L’ultima porta” Vol. 3, e "Oltre" Vol. 4, li trovi Qui.

  • Punesjpg Per la pagina Il Volo Della Coscienza qui: Logo Oltejpg

  • megafonojpg Se desideri essere informato e in contatto, iscriviti al blog dalla Home Page: Matitinajpg  oppure richiedi l’iscrizione al Gruppo Della Coscienza qui: FaceBookVideo Iconapng

<