Un Giorno Prima Di Morire

   Come promesso nella diretta video #9 “Materia E Spirito”, del 5 dicembre 2019, al minuto 13:00 del video, l’argomento della puntata di oggi è proprio “cosa c’è un giorno prima di morire”. Tutti ci evolviamo, che lo vogliamo vedere o no, che noi se ne sia coscienti oppure no. La differenza sta solo nel quanto dolore dobbiamo ancora sopportare prima di arrivare a sentire dentro che “Qualcosa non quadra” in questa realtà fenomenica, tangibile, concreta. E’ un momento splendido dell’esistenza umana, unico, ineguagliabile, è il segno del passaggio attraverso una porta mistica, è una porta ancora senza nome, che ci chiede essa stessa d’essere varcata, lo chiede direttamente al cuore, al nostro cuore. Ecco perché è un passaggio difficile, che richiede tutta la nostra sensibilità e tutta la nostra attenzione, la nostra presenza, la nostra Coscienza. Qui vedete cortesemente il Vol.2 al Cap. “La Piazza Del Mercato” e al Cap. “La Porta Senza Nome”, per comprendere come funziona.

   Il titolo è “Un Giorno Prima dell’Ultimo” perché nel momento in cui siamo pronti per scendere in noi stessi e salire fino al Cuore, allora e solo allora varchiamo quella Porta Senza Nome (purtroppo non se ne può essere coscienti: avviene spontaneamente, se ne sei cosciente attenzione che non sia un imbroglio della mente). Cosa significa? E’ la stessa cosa che dire, non perderò più nemmeno un istante di questa mia vita, preziosa vita, sacra, benedetta vita, unica vita.

   Da ora questa ricerca interiore sarà la mia priorità, il mio primo interesse, a lei sarà dedicata tutta la mia attenzione, in maggior parte, più che ogni altra cosa nell’universo, tutto il resto è in secondo piano, la mia Via Spirituale è in primo piano, al primo posto, in piena luce. Perché sento in me questa urgenza? Perché nel mio cuore c’è ora questa priorità? Quello che sento in me ora è come un fiume in piena e ovunque io guardi o ponga orecchio il suo fragore mi dice a gran voce una sola cosa: “L’ultimo giorno della vita è oggi, non perdere più nemmeno un minuto, trovati adesso, perché fra un istante sarà tardi per farlo!”.

   Ecco, il momento è questo; che io sia nel mio letto di morte o seduto davanti alle cascate in collina o alla mia scrivania a scrivere questo articolo poco cambia e poco conta, il mio impegno è totale, tutto il resto è solo “circostanze”, l’Amore che infondo in questo lavoro è incondizionato ed è tutto quello possibile.

   L’educazione ricevuta ci ha abituati sin da bambini a ricercare la vita, ad osannarla, idolatrarla, divinizzarla, adorarla, esaltarla più che possiamo versandoci in essa. Così accecati dai suoi bagliori e nella totale ignoranza della morte, allontanando il più possibile tutto ciò che non è vita, negando e respingendo ogni cosa che possa rammentarci la sua fine, allontaniamo la paura mediante mille distrazioni, diecimila scuse e motivazioni, centomila occupazioni con cui riempire quel tempo che così facendo chiamiamo vita. Se siamo cercatori impegnati, se siamo seri e non stiamo giocherellando con noi stessi, ci siamo già resi conto che ogni attività che sia spinta da paura è un’attività che non può avere futuro se non la sua fine.

11/gen/2020                           Claudio Panicali

Per ascoltare e vedere l'autore in diretta Facebook su questo argomento clicca QUI o per tutti i video su Youtube QUI.

Per “espandere” l’argomento e per comprendere più a fondo, i miei libri,  Cpertina Della Coscienza Vol1 2 3 Minijpg   “Della Coscienza” Vol. 1, “Quali Sono Le Porte” Vol. 2, e “l’ultima porta” Vol. 3, li trovi Qui:

La Biografia dell'autore, invece, la trovi Qui.

  Se desideri essere informato e restare in contatto, iscriviti al blog cliccando qui: postmaster@claudiopanicali.it o richiedi l’iscrizione al Gruppo Della Coscienza.

<